Resta in contatto

Approfondimenti

Palermo, questione di ore e sarà sentenza: “Siamo sereni”

Le parole dell’avvocato del club rosanero Gattuso, quelle del presidente Albanese e del sindaco Orlando. Oggi la decisione del tribunale federale nazionale

Una partita che il Palermo è convinto di vincere. È quella che si sta giocando al tribunale federale nazionale fra la procura federale, che chiede la retrocessione in serie C dei rosanero, e i legali del club di viale del Fante che sono certi di essere dalla parte della ragione. Nel corso del dibattimento di venerdì a Roma il capo della procura federale Giuseppe Pecoraro ha chiesto, oltre alla retrocessione del Palermo, anche cinque anni di inibizione con proposta di radiazione per Maurizio Zamparini e l’ex presidente del collegio dei sindaci Anastasio Morosi e due anni di inibizione per l’ex presidente Giovanni Giammarva; l’avvocato Antonino Gattuso in rappresentanza del collegio difensivo rosanero composto dai suoi colleghi Francesco Pantaleone, Francesca Trinchera e Gaetano Terracchio ha puntato tutto sul rigetto del deferimento. La sentenza è attesa fra oggi e domani.

Sono e resto sereno – dice l’avvocato del Palermo Antonino Gattuso – il tribunale federale non può che rigettare le richieste della procura federale che ritengo assurde quanto ingiuste per la squadra, i tifosi e la città intera. La procura federale, con una tempistica molto dubbia nei tempi e nei modi, oggetto di precise eccezioni e contestazioni della difesa, ha recuperato acriticamente le originarie accuse della procura ordinaria, senza neanche depurarle da tutte quelle contestazioni che già nei giudizi fallimentari e cautelari sono state ritenute infondate ed insussistenti. Il Palermo ha sempre giocato con lealtà e ottenuto sul campo i prestigiosi successi che non possono e non devono essere oggetto di bottino ed ingiustizie, a tutela di un patrimonio che è della città e dei suoi tifosi“.

Puntano tutto sulla lealtà della squadra sul campo anche il presidente del Palermo Alessandro Albanese e il sindaco Leoluca Orlando. “La proprietà è abbastanza serena – dice Albanese – gli avvocati hanno argomentato tutte le nostre ragioni. Attendiamo con serenità l’esito del processo e ci auspichiamo che i risultati sportivi arrivino solamente dal campo. C’è una società completamente nuova che non ha nulla a che vedere con il passato. In punta di diritto voglio continuare a pensare, non solo da presidente, ma anche da cittadino, che in tribunale uno si debba difendere per quello che ha commesso o non commesso e non per quello che era“.

Il sindaco Orlando, oltre a ringraziare i giocatori del Palermo per «avere dimostrato per tutto l’anno grande professionalità nonostante le incertezze che hanno contraddistinto e contraddistinguono la società” ha tenuto a sottolineare che la città “è vicina alla squadra e non farà mancare il proprio supporto per il raggiungimento del massimo risultato, nella speranza che non si ripetano i gravi fatti che hanno penalizzato il Palermo lo scorso anno e che gli eventi della giustizia sportiva legati alle verifiche sulla società non vadano a colpire gli innegabili risultati sportivi perché Palermo e i suoi tifosi non lo meritano“.

1 Commento

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Perla Adamo Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Perla Adamo
Ospite
Perlarosanero

Siamo ottimisti….CREDERCI SEMPRE MOLLARE MAI!!💗🖤🦅

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PALERMO su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti